Suche

Storie di Neet che ripartono

Chiara M. Braccelarghe

Chiara M. Braccelarghe >

X

Milano – Il progetto NEETON, realizzato da Bosch Italia in collaborazione con LabLaw Studio Legale Rotondi & Partners, ManpowerGroup, la Fondazione Human Age Institute e la scuola di formazione Bosch TEC, prosegue anche nel 2021 con l’obiettivo di fornire un sostegno concreto ai NEET (Not Engaged in Education, Employment or Training), ragazzi di età compresa tra 15 e 29 anni che non si formano, non studiano e non lavorano.

L’iniziativa ha rimotivato, formato e ricollocato centinaia di giovani NEET. Dalla prima edizione del progetto ad oggi, sono infatti circa 200 i ragazzi che hanno partecipato al percorso. Ogni anno sono state erogate più di 600 ore di formazione affiancate da project work, per permettere ai ragazzi di mettere in pratica le nozioni acquisite. Il successo di NEETON si può leggere attraverso l’esperienza di alcuni partecipanti intervistati, i quali hanno trovato un’occupazione a seguito del percorso oppure si sono impegnati in un nuovo percorso formativo.

“Se non sono io sponsor di me stessa, chi altro potrà mai credere nelle mie capacità? Questo percorso mi ha dato il coraggio di affrontare situazioni che fino a quel momento reputavo molto più grandi delle mie stesse aspettative”, questa l’affermazione di Gloria, una tra i 20 ragazzi che hanno partecipato al progetto NEETON. “Questa esperienza non solo è un’occasione per inserirsi nel mondo del lavoro, ma aiuta ad intraprendere un percorso di riflessione interiore e sui progetti futuri” ha continuato Alessia. “NEETON mi ha dato la giusta spinta ad impegnarmi di più” ha sottolineato Matilde. “Prima di intraprendere questa esperienza, vedevo il mondo del lavoro come una realtà incerta e poco rassicurante. La scelta di partecipare al progetto nasce dalla voglia di acquisire nuove competenze e conoscenze, poiché offre gli strumenti necessari per affacciarsi al mondo del lavoro” ha affermato Pietro. “Questo percorso, oltre ad un bagaglio di nuove conoscenze, mi ha lasciato sicuramente la voglia di mettermi in gioco, di migliorare la comunicazione e l'ascolto, e molti consigli per lavorare al meglio in un team” ha spiegato Chiara.

Oggi in Italia si contano ben 2 milioni di giovani che non lavorano e non studiano, ragazzi in cerca di possibilità, che però faticano a trovare un’occupazione. Giovani alla ricerca di un lavoro, con la voglia di aumentare le loro conoscenze e competenze per poter essere più competitivi in un mondo del lavoro in continua evoluzione, che spesso scoraggia e porta ad abbattersi e non essere più attivi nella ricerca. Dalle loro storie emerge poca fiducia in sé stessi, incertezza e sfiducia nel mondo di oggi, ma allo stesso tempo anche molta voglia di mettersi in gioco, arricchire il proprio bagaglio e curiosità verso quelli che sono i lavori ad oggi più richiesti.

Il progetto NEETON 2021 offre a questi ragazzi tre settimane di formazione teorica e pratica per imparare lavori, quali quello dell’e-commerce specialist e del Manufacturing 4.0, che ad oggi sono tra i più ricercati in Italia e nell’industria 4.0. Oggi, sempre più aziende richiedono non solo capacità tecniche specifiche, ma anche e soprattutto soft skills. Il percorso permette ai ragazzi di apprendere nuove competenze, ma anche di sviluppare qualità quali pensiero critico, intelligenza emotiva, spirito d’iniziativa, lavoro in team, comunicazione efficace e coraggio per affrontare situazioni difficili.

Ciò che i ragazzi intervistati sottolineano maggiormente, è come NEETON li abbia aiutati ad essere più fiduciosi e consapevoli delle loro capacità, aumentando la loro autostima e supportandoli nell’identificare un obiettivo chiaro e nello scoprire le innumerevoli strade possibili da percorrere. Sotto un aspetto più pratico, molti partecipanti evidenziano che NEETON offre un supporto concreto nella costruzione di un curriculum vitae efficace che metta in risalto i punti di forza. Non solo una grande possibilità di imparare un nuovo lavoro da figure altamente specializzate, NEETON si conferma con successo una preziosa esperienza per ritrovare motivazione, speranza e proattività.

Tags: Bosch Group

Contatti per la Stampa:

Robert Bosch

Tel. 02 3696 2613 – 2698 – 2330

press@it.bosch.com

Il Gruppo Bosch è fornitore leader e globale di tecnologie e servizi. Grazie ai circa 395.000 collaboratori (al 31 dicembre 2020) nel mondo, impiegati nei quattro settori di business Mobility Solutions, Industrial Technology, Consumer Goods e Energy and Building Technology, il Gruppo Bosch ha registrato un fatturato di 71,5 miliardi di euro nel 2020. In qualità di azienda leader nel settore IoT, Bosch offre soluzioni innovative per smart home, smart city, Industry 4.0 e mobilità connessa. Inoltre, persegue la visione della mobilità sostenibile, sicura ed entusiasmante. Bosch utilizza la propria competenza nella tecnologia dei sensori, dei software e dei servizi, oltre che nel proprio cloud IoT, per offrire ai clienti soluzioni connesse, cross-domain da un'unica fonte. L'obiettivo strategico del Gruppo è quello di fornire soluzioni innovative per una vita connessa che contengano intelligenza artificiale (IA) o che siano state sviluppate o prodotte grazie ad essa. Seguendo lo slogan "Tecnologia per la vita" Bosch, grazie ai suoi prodotti e servizi, migliora la qualità della vita offrendo soluzioni innovative in tutto il mondo. Il Gruppo è costituto dall'azienda Robert Bosch GmbH e da circa 440 tra consociate e filiali in circa 60 Paesi. Se si includono i partner commerciali e di servizi, la rete ingegneristica, di produzione e vendita di Bosch copre quasi tutti i Paesi nel mondo. Con le sue oltre 400 sedi in tutto il mondo, il Gruppo Bosch è carbon-neutral dal primo trimestre del 2020. La base per la crescita futura della società è la forza innovativa, in circa 129 sedi in tutto il mondo, sono 73.000 i collaboratori Bosch impegnati nella ricerca e sviluppo, di cui circa 34.000 ingegneri software.

L'azienda è stata fondata a Stoccarda nel 1886 da Robert Bosch (1861-1942) come "Officina di meccanica di precisione ed elettrotecnica". La struttura societaria della Robert Bosch GmbH assicura l'indipendenza imprenditoriale del Gruppo Bosch, permettendo all'azienda di perseguire strategie a lungo termine e di far fronte a nuovi investimenti che possano garantire il suo futuro. La Fondazione di pubblica utilità Robert Bosch Stiftung GmbH detiene il 94% delle partecipazioni della Robert Bosch GmbH. Le partecipazioni restanti sono detenute da una società di proprietà della famiglia Bosch e da Robert Bosch GmbH. La maggioranza dei diritti di voto appartiene alla società fiduciaria Robert Bosch Industrietreuhand KG che gestisce le funzioni imprenditoriali dell'azienda.

Maggiori informazioni su www.bosch.com, www.iot.bosch.com, www.bosch-press.it

Scarica il comunicato stampa

Stai ancora cercando qualcosa?