Suche

Un nuovo settore che vale centinaia di milioni

  • Entro il 2025 Bosch punta a generare un fatturato annuale di circa 250 milioni di euro con la fornitura di attrezzature per le fabbriche di produzione di batterie
  • Bosch offre tecnologia industriale in un'unica soluzione, dai singoli componenti e soluzioni software a strutture di produzione complete
  • L'azienda sta investendo circa 70 milioni di euro per lanciare la produzione di batterie a 48 volt su vasta scala presso lo stabilimento di Eisenach
Chiara M. Braccelarghe

Chiara M. Braccelarghe >

X

Stoccarda, Germania – Bosch offre, grazie alla sua vasta esperienza nel settore, attrezzature per la produzione di batterie in un'unica soluzione: dai singoli componenti alla fornitura di soluzioni di montaggio complete. Uno dei clienti pilota è Webasto, che sta equipaggiando le proprie fabbriche di batterie con la tecnologia Bosch. "Conosciamo perfettamente le batterie e sappiamo bene come devono essere prodotte", ha dichiarato Rolf Najork, membro del Board of Management di Bosch responsabile industrial technology. Entrando in questo settore, Bosch punta a incrementare l'integrazione verticale nell'ingegneria meccanica e a generare, entro il 2025, un fatturato annuale di circa 250 milioni di euro con le attrezzature per la produzione di batterie. Bosch utilizza il proprio know-how sulla produzione nei suoi stabilimenti: ad Eisenach, in Germania, l’azienda sta avviando una produzione su vasta scala di batterie a 48 volt di seconda generazione. Quest'anno Bosch ha investito circa 70 milioni di euro per espandere la propria attività di produzione locale.

Conosciamo perfettamente le batterie e sappiamo bene come devono essere prodotte

Rolf Najork, membro del Board of Management di Bosch responsabile industrial technology

Il mercato delle batterie registra ogni anno una crescita fino al 25%

Il mercato è enorme: gli esperti prevedono che la domanda di batterie agli ioni di litio aumenterà da circa 200 GWh nel 2019 a oltre 2.000 GWh entro il 2030 (fonte: BMWi, 2021). Attualmente, oltre il 60% della domanda proviene dall'elettromobilità (fonte: VDMA, 2020). Bosch offre un portafoglio di soluzioni che spaziano dall'ibridizzazione leggera a 48 volt, ai sistemi di propulsione completamenti elettrici e alle celle a combustibile. L'azienda vanta esperienza nello sviluppo di batterie non solo per i veicoli, ma anche per le eBike, gli elettroutensili e gli elettrodomestici. Può inoltre contare su una grande conoscenza relativa alla produzione. Bosch intende sfruttare questo know how per soddisfare la crescente domanda. "Prevediamo che il mercato mondiale delle batterie registrerà una crescita fino al 25% ogni anno. Bosch sta facendo la sua parte per soddisfare questa domanda", ha dichiarato Najork.

Webasto si affida alla tecnologia Bosch per la produzione delle batterie

Webasto è un pioniere nella produzione dei pacchi batterie. L'azienda è attiva nel settore dell'elettromobilità sin dal 2016 e, oltre ai riscaldatori ad alta tensione e alle soluzioni di ricarica, è specializzata anche nei sistemi di batterie per i veicoli elettrificati. La produzione delle batterie presso lo stabilimento Webasto di Schierling, in Germania, è il modello per le nuove strutture di produzione come quello a Dangjin, in Corea. Il ruolo di Bosch è fornire linee di montaggio automatizzate per la saldatura e l'incollaggio delle celle delle batterie. A questo scopo, le varie funzioni della produzione dei moduli sono combinate: pulizia delle celle con ispezione in ingresso, processo di impilamento e processo di saldatura al laser speciale e ispezione a fine linea per l'accertamento qualità. Grazie al sofisticato concetto della linea, durante la lavorazione non si verificano contaminazioni di particelle. I robot assemblano automaticamente le pile di celle in una procedura a due fasi costituita da tecnologia di erogazione e saldatura laser. Con un concetto di sicurezza completo è quindi possibile realizzare il collegamento elettrico del modulo batteria utilizzando un processo di saldatura laser altamente dinamico e preciso.

Gli stabilimenti Bosch dimostrano di disporre di grande know-how sulle batterie

Bosch vuole implementare la tecnologia industriale anche nei propri stabilimenti. Iniziando dalla sede di Eisenach dove si producono batterie a 48 volt per l'ibridizzazione delle autovetture. Nei veicoli con motore a combustione, queste batterie assicurano emissioni inferiori di CO2 (fino al 15%) soprattutto in città e riducono il consumo di carburante. Ora la seconda generazione sta entrando in produzione su larga scala a Eisenach. Durante l’assemblaggio oltre 90 componenti passano attraverso più di 100 fasi di processo. Anche lo stabilimento Bosch di Miskolc in Ungheria beneficerà di questo nuovo approccio. Nel sito si producono dal 2015 batterie per biciclette a pedalata assistita.

Affinché le batterie, il sistema di propulsione e il display formino un gruppo perfettamente armonizzato, il processo di produzione prevede circa 20 fasi diverse, che comprendono l'ispezione in ingresso delle celle, l'assemblaggio del modulo e del pacco e l'integrazione del sistema di gestione delle batterie. La produzione locale completamente automatizzata assicura elevati standard di qualità, la massima sicurezza delle batterie e catene di fornitura stabili per i produttori di eBike.

Bosch offre ai produttori una gamma completa di servizi

Bosch si presenta sia come fornitore generale per la costruzione della fabbrica sia come fornitore di singoli componenti e soluzioni software. "In qualità di azienda leader nell'IoT e costruttore di macchine di successo, offriamo l'opportunità di personalizzare la fabbrica del futuro", ha affermato Najork. Bosch sviluppa attrezzature, macchinari, hardware e software per la produzione di moduli e pacchi batteria costruiti da celle cilindriche, prismatiche o pouch e utilizzati nei veicoli elettrici. Si utilizzano processi di serraggio, saldatura e incollaggio per collegare saldamente le celle fra di loro. A seconda dei requisiti, Bosch può fornire linee parzialmente o completamente automatizzate. Anche le tecnologie di propulsione e controllo, le stazioni di lavoro manuali intelligenti, i MES (Manufacturing Execution System) per la programmazione della produzione e il software per il collegamento in rete di macchine e sistemi fanno parte del portafoglio dell'azienda.

Contatti per la Stampa:

Tel. 02 3696 2613 – 2698 – 2330

press@it.bosch.com

Il Gruppo Bosch è fornitore leader e globale di tecnologie e servizi. Grazie ai circa 395.000 collaboratori (al 31 dicembre 2020) nel mondo, impiegati nei quattro settori di business Mobility Solutions, Industrial Technology, Consumer Goods e Energy and Building Technology, il Gruppo Bosch ha registrato un fatturato di 71,5 miliardi di euro nel 2020. In qualità di azienda leader nel settore IoT, Bosch offre soluzioni innovative per smart home, smart city, Industry 4.0 e mobilità connessa. Inoltre, persegue la visione della mobilità sostenibile, sicura ed entusiasmante. Bosch utilizza la propria competenza nella tecnologia dei sensori, dei software e dei servizi, oltre che nel proprio cloud IoT, per offrire ai clienti soluzioni connesse, cross-domain da un'unica fonte. L'obiettivo strategico del Gruppo è quello di fornire soluzioni innovative per una vita connessa che contengano intelligenza artificiale (IA) o che siano state sviluppate o prodotte grazie ad essa. Seguendo lo slogan "Tecnologia per la vita" Bosch, grazie ai suoi prodotti e servizi, migliora la qualità della vita offrendo soluzioni innovative in tutto il mondo. Il Gruppo è costituto dall'azienda Robert Bosch GmbH e da circa 440 tra consociate e filiali in circa 60 Paesi. Se si includono i partner commerciali e di servizi, la rete ingegneristica, di produzione e vendita di Bosch copre quasi tutti i Paesi nel mondo. Con le sue oltre 400 sedi in tutto il mondo, il Gruppo Bosch è carbon-neutral dal primo trimestre del 2020. La base per la crescita futura della società è la forza innovativa, in circa 129 sedi in tutto il mondo, sono 73.000 i collaboratori Bosch impegnati nella ricerca e sviluppo, di cui circa 34.000 ingegneri software.

L'azienda è stata fondata a Stoccarda nel 1886 da Robert Bosch (1861-1942) come "Officina di meccanica di precisione ed elettrotecnica". La struttura societaria della Robert Bosch GmbH assicura l'indipendenza imprenditoriale del Gruppo Bosch, permettendo all'azienda di perseguire strategie a lungo termine e di far fronte a nuovi investimenti che possano garantire il suo futuro. La Fondazione di pubblica utilità Robert Bosch Stiftung GmbH detiene il 94% delle partecipazioni della Robert Bosch GmbH. Le partecipazioni restanti sono detenute da una società di proprietà della famiglia Bosch e da Robert Bosch GmbH. La maggioranza dei diritti di voto appartiene alla società fiduciaria Robert Bosch Industrietreuhand KG che gestisce le funzioni imprenditoriali dell'azienda.

Maggiori informazioni su www.bosch.com, www.iot.bosch.com, www.bosch-press.it

Scarica il comunicato stampa

Stai ancora cercando qualcosa?