Suche

Press release #Bosch Group

Celle a combustibile stazionarie: Bosch prevede di iniziare la produzione su vasta scala nel 2024

La collaborazione con Ceres Power si intensifica

  • Bosch e Ceres Power si preparano a lanciare la produzione su vasta scala
  • L'obiettivo è una capacità produttiva annua di circa 200 megawatt
  • Da qui al 2024, Bosch prevede di investire centinaia di milioni di euro nelle celle a combustibile a ossido solido (SOFC)
  • Christian Fischer: "Riteniamo che le celle a combustibile a ossido solido, altamente efficienti, siano un elemento essenziale per la fornitura di energia sostenibile"
  • Con un'efficienza generale che va oltre l'85%, le SOFC sono naturalmente superiori a qualsiasi altra tecnologia di conversione dell'energia
Chiara M. Braccelarghe

Chiara M. Braccelarghe >

X

Stoccarda, Germania/Horsham, Regno Unito – Bosch accelera il passo nel settore delle celle a combustibile per l'impiego in condizioni statiche. Nel 2024, il fornitore di tecnologia e servizi intende avviare la produzione su vasta scala di centrali elettriche distribuite basate sulla tecnologia delle celle a combustibile a ossido solido. A questo proposito, ha rafforzato la partnership con Ceres Power. Dopo una soddisfacente fase di costruzione dei prototipi, le due aziende ora sono pronte per il passo successivo, inizialmente tramite il processo di pre-commercializzazione delle celle a combustibile stazionarie. Per i sistemi SOFC, Bosch punta a una capacità di produzione annuale di circa 200 megawatt, un'energia sufficiente ad alimentare 400.000 utenze domestiche. Bosch produrrà i sistemi di celle a combustibile nei suoi stabilimenti di Bamberg, Wernau e Homburg e nei siti di sviluppo di Stoccarda-Feuerbach e Renningen, con investimenti per centinaia di milioni di euro, entro il 2024. Una delle applicazioni previste della tecnologia SOFC consiste nella realizzazione di piccole centrali elettriche distribuite, con funzioni di connettività, che potranno essere usate nelle città, nelle fabbriche, nelle attività commerciali, nei data center e nelle infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici. Bosch stima che il mercato della generazione di energia decentralizzata raggiungerà un volume di 20 miliardi di euro entro il 2030. Oggi sono oltre 250 i collaboratori di Bosch che lavorano in questo nuovo e promettente settore, 150 in più rispetto a un anno fa.

"Riteniamo che le celle a combustibile a ossido solido, altamente efficienti, siano un elemento essenziale per la fornitura di energia sostenibile. Per realizzarlo stiamo concentrando l'esperienza di Bosch attingendo a più divisioni" ha dichiarato Christian Fischer, membro del Board of Management di Bosch e responsabile del settore Energy and Building Technology. "Con i sistemi di celle a combustibile stazionarie, Bosch crea un nuovo settore di business in cui sviluppo, produzione, vendite e servizio provengono da un'unica soluzione" ha proseguito Fischer. "I"

Riteniamo che le celle a combustibile a ossido solido, altamente efficienti, siano un elemento essenziale per la fornitura di energia sostenibile. Per realizzarlo stiamo concentrando l'esperienza di Bosch attingendo a più divisioni

ha dichiarato Christian Fischer, membro del Board of Management di Bosch e responsabile del settore Energy and Building Technology.

Bosch intensifica la collaborazione con Ceres Power

Dall'agosto 2018, Bosch e Ceres Power hanno collaborato con ottimi risultati nello sviluppo delle celle a combustibile. Già nell'autunno del 2019 Bosch aveva avviato la produzione dei prototipi dei primi sistemi di celle a combustibile in Germania; a gennaio 2020, ha acquisito una partecipazione di circa il 18% della società inglese. La collaborazione ora si è intensificata per includere le fasi che porteranno alla produzione su vasta scala nel 2024. Gli accordi specificano come Bosch utilizzerà ulteriormente la tecnologia del partner Ceres Power. "Siamo fieri di aver raggiunto questo traguardo in collaborazione con un partner importante come Bosch. Unendo la tecnologia innovativa di Ceres con l'esperienza nella produzione di Bosch è stato possibile creare sistemi pionieristici di celle a combustibile stazionarie che contribuiranno a superare le sfide globali del trasferimento dell'energia" ha dichiarato Phil Caldwell, CEO di Ceres Power.

I sistemi SOFC sono già compatibili con l'idrogeno

Ceres Power svolge un ruolo da protagonista nello sviluppo delle innovative celle a combustibile a ossido solido. Bosch ha una licenza per l'uso della tecnologia di Ceres Power e produce internamente le celle a combustibile. In varie sedi di Bosch sono già testati con successo impianti pilota alimentati a celle a combustibile a ossido solido. I sistemi SOFC possono già essere utilizzati con biogas eco compatibili o metano, e sono già compatibili con l'idrogeno per un sistema di energia del futuro.

Per le città e le conurbazioni con domanda elevata di elettricità, i sistemi SOFC possono assicurare fonti di energia sostenibili a zero emissioni di ossidi d'azoto, particolati e CO2. Con un'efficienza generale che va oltre l'85%, le SOFC sono naturalmente superiori a qualsiasi altra tecnologia di conversione dell'energia. Come spiega Wilfried Kölscheid, responsabile del comparto celle a combustibile statiche in Bosch: "In base alla richiesta di elettricità, in futuro sarà possibile collegare qualsiasi numero di impianti della stessa capacità. Questa interconnessione consente di creare centrali elettriche virtuali che interagiscono per portare l'energia quando e dove serve."

Contatti per la Stampa:

Tel. 02 3696 2016 - 2698 - 2330

press@it.bosch.com

Il Gruppo Bosch è fornitore leader e globale di tecnologie e servizi. Grazie ai circa 400.000 collaboratori (al 31 dicembre 2019) nel mondo, impiegati nei quattro settori di business Mobility Solutions, Industrial Technology, Consumer Goods e Energy and Building Technology, il Gruppo Bosch ha registrato un fatturato di 77,7 miliardi di euro nel 2019. In qualità di azienda leader nel settore IoT Bosch offre soluzioni innovative per smart home, smart city, Industry 4.0 e mobilità connessa. Inoltre, utilizza la propria competenza nella tecnologia dei sensori, dei software e dei servizi, oltre che nel proprio cloud IoT per offrire ai clienti soluzioni connesse, cross-domain da un'unica fonte. L'obiettivo strategico del Gruppo è quello di fornire soluzioni innovative per una vita connessa che contengano intelligenza artificiale (IA) o che siano state sviluppate o prodotte grazie ad essa. Seguendo lo slogan "Tecnologia per la vita" Bosch, grazie ai suoi prodotti e servizi, migliora la qualità della vita offrendo soluzioni innovative in tutto il mondo. Il Gruppo è costituto dall'azienda Robert Bosch GmbH e da circa 440 tra consociate e filiali in oltre 60 Paesi. Se si includono i partner commerciali e di servizi, la rete ingegneristica, di produzione e vendita di Bosch copre quasi tutti i Paesi nel mondo. La base per la crescita futura della società è la forza innovativa, 72.600 sono i collaboratori Bosch impegnati nella ricerca e sviluppo in circa 126 sedi in tutto il mondo, nonché circa 30.000 ingegneri software.

L'azienda è stata fondata a Stoccarda nel 1886 da Robert Bosch (1861-1942) come "Officina di meccanica di precisione ed elettrotecnica". La struttura societaria della Robert Bosch GmbH assicura l'indipendenza imprenditoriale del Gruppo Bosch, permettendo all'azienda di perseguire strategie a lungo termine e di far fronte a nuovi investimenti che possano garantire il suo futuro. La Fondazione di pubblica utilità Robert Bosch Stiftung GmbH detiene il 92% delle partecipazioni della Robert Bosch GmbH. La maggioranza dei diritti di voto appartiene alla società fiduciaria Robert Bosch Industrietreuhand KG che gestisce le funzioni imprenditoriali dell'azienda. I diritti di voto e le partecipazioni restanti spettano alla famiglia Bosch e alla Robert Bosch GmbH.

Maggiori informazioni su www.bosch.com, www.iot.bosch.com, www.bosch-press.it

Scarica il comunicato stampa

Stai ancora cercando qualcosa?