Suche

I sensori di temperatura dei gas di scarico e i sensori di ossido di azoto arricchiscono l’offerta delle officine Bosch

Chiara M. Braccelarghe

Chiara M. Braccelarghe >

X

Una gamma di prodotti completa per il trattamento dei gas di scarico da un’unica fonte

  • Cinque diversi sensori di gas di scarico Bosch di qualità OE
  • Monitoraggio affidabile per la conformità alle attuali normative sulle emissioni

Karlsruhe – Ad oggi, le auto e i veicoli commerciali moderni sono dotati di una serie di sensori installati nel tratto di scarico che monitorano la composizione dei gas di scarico con estrema precisione. In questo modo, contribuiscono in maniera significativa a rispettare i limiti legali delle emissioni e le normative in materia di diagnosi di bordo. Per questo, la sostituzione dei sensori difettosi e usurati assume un’importanza fondamentale. Oltre alle sonde lambda, ai sensori di particolato e ai sensori di pressione differenziale, la gamma Bosch ora si arricchisce dei sensori di temperatura dei gas di scarico e, novità assoluta, dei sensori di ossido d’azoto, disponibili per la maggior parte dei veicoli sul mercato europeo. Questi componenti, abbinati al sistema di trattamento dei gas di scarico Denoxtronic, completano la gamma di prodotti delle officine Bosch.

Bosch vanta decenni di esperienza nella tecnologia dei sensori. Per esempio, le sonde lambda, utilizzate per misurare e ottimizzare la miscela aria/carburante dei motori diesel e benzina, sono state ideate proprio da Bosch. Inoltre, l’azienda è stata in prima linea anche per quanto riguarda i sensori di particolato per il monitoraggio dei filtri antiparticolato dei motori diesel. Oltre a questo, Bosch fornisce ai costruttori di veicoli in tutto il mondo un gran numero di sensori di gas di scarico.

Cinque sensori di gas di scarico aiutano a rispettare i limiti di emissioni

L’analisi affidabile della composizione dei gas di scarico è fondamentale per trattarli in modo efficiente. A questo scopo, le auto moderne e i veicoli commerciali sono dotati di diversi sensori installati nel sistema di scarico. Tutti questi sensori sono integrati nel sistema di diagnostica di bordo e, in caso di eventuali anomalie, possono essere facilmente identificati e controllati utilizzando un tester diagnostico come, per esempio, Bosch KTS. Se risultano difettosi, i componenti Bosch possono essere sostituiti in modo facile e veloce.

Sensori di ossido d’azoto

Sempre più auto diesel e un numero crescente di veicoli commerciali leggeri e pesanti sono dotati di sensori di ossido d’azoto. Attraverso un elemento in ceramica particolarmente resiliente e resistente al calore, questi sensori misurano la quantità di ossido d’azoto (NOx) a valle del catalizzatore SCR. Alcune tipologie di motore includono un secondo sensore di ossido d’azoto anche a monte del sistema. I sensori controllano la quantità di urea (AdBlue) iniettata nel catalizzatore per la riduzione catalitica selettiva (SCR) allo scopo di ridurre le emissioni di NOx. Inoltre, monitorano anche i componenti SCR. Poiché la tecnologia SCR è impiegata sempre più frequentemente, anche i sensori di ossido d’azoto assumono maggior rilievo nel mondo dell’aftermarket e delle officine. L’attuale gamma Bosch, in continua espansione, al momento comprende 24 articoli, inclusi sensori compatibili con diversi veicoli.

Sensori di temperatura dei gas di scarico

I sensori di temperatura dei gas di scarico si possono installare in vari punti del sistema di scarico dei motori diesel e a benzina. Misurano la temperatura dei gas di scarico e inviano un segnale elettrico alla centralina del motore. Utilizzati nei motori diesel, questi sensori monitorano la temperatura del filtro antiparticolato, contribuendo in maniera significativa alla conformità ai valori limite delle emissioni e all’efficienza del carburante. Utilizzati nei motori a benzina, i sensori di temperatura dei gas di scarico proteggono componenti essenziali, come i catalizzatori e i turbocompressori. Da luglio 2020, la gamma aftermarket Bosch per le officine comprende circa 90 articoli, rispondenti alla maggior parte dei veicoli delle case produttrici europee.

Sensori di particolato

Già dal 2019, le officine possono ordinare i sensori di particolato presso Bosch. La gamma comprende 40 articoli ed è in continua espansione. I sensori di particolato analizzano la quantità di particelle contenute nelle emissioni diesel tramite la misurazione della resistenza. In base ai valori così ottenuti, la centralina analizza la funzionalità del filtro antiparticolato. Prima di ciascuna misurazione, l’elemento del sensore viene rigenerato tramite riscaldamento, in modo che sia sempre nelle medesime condizioni per tutte le misurazioni.

Sensori di pressione differenziale

I sensori di pressione differenziale misurano la differenza di pressione del sensore di particolato. I valori misurati forniscono informazioni sulle condizioni del filtro antiparticolato per avviarne la rigenerazione, risparmiando carburante: la cosiddetta pulizia automatica o combustione del particolato. I sensori di pressione differenziale sono utilizzati anche per controllare il ricircolo dei gas di scarico a bassa pressione. La gamma attuale di Bosch comprende oltre 40 articoli che coprono la maggior parte dei sensori del mercato europeo.

Sonde lambda

Le sonde lambda determinano la quantità di ossigeno contenuta nei gas di scarico. Sulla base di questo valore la centralina elettronica calcola la quantità ottimale di carburante da iniettare nella camera di combustione. Le sonde lambda sono utilizzate nei motori a benzina, diesel e gas. La gamma Bosch comprende sonde lambda installabili su oltre l’80% di tutti i veicoli sul mercato. Grazie alla precisione di misurazione, queste sonde contribuiscono a una migliore resa del motore e a un corretto trattamento dei gas di scarico. Una sonda lambda nuova, infatti, consente di risparmiare fino al 15% di carburante rispetto a una usurata.

Denoxtronic

Anche il sistema di trattamento dei gas di scarico Denoxtronic, sempre più utilizzato nei veicoli diesel, genera ulteriore potenziale per le officine automotive. Il sistema inietta una soluzione acquosa di urea (AdBlue) nel sistema di scarico. In combinazione con il catalizzatore SCR consente di trasformare i nocivi NOx in acqua e azoto. In qualità di sviluppatore del sistema Denoxtronic, Bosch fornisce soluzioni complete per le officine, dalla diagnosi e i ricambi fino alle riparazioni e alla formazione tecnica.

Contatti per la Stampa:

Tel. 02 3696 2613 - 2698 - 2330

press@it.bosch.com

La divisione Automotive Aftermarket (AA) fornisce al mercato del post-vendita e alle officine di riparazione di tutto il mondo una gamma completa di attrezzature per diagnosi e riparazioni e una vasta gamma di parti di ricambio – dai ricambi nuovi o revisionati alle soluzioni di riparazione – per autovetture e veicoli commerciali. Il suo portafoglio prodotti comprende prodotti realizzati come primo impianto Bosch, nonché prodotti e servizi post-vendita sviluppati e prodotti internamente. Circa 14.000 collaboratori in più di 150 Paesi, oltre a una rete logistica globale, garantiscono che pezzi di ricambio diversi raggiungano i clienti rapidamente e in tempo. AA fornisce tecnologia di prova e riparazione, software diagnostico, formazione e servizi di informazione. Inoltre, la divisione è responsabile delle officine "Bosch Service", una delle più grandi catene di riparazioni indipendenti del mondo, con più di 15.000 officine e di AutoCrew con oltre 1.000 officine.

Maggiori informazioni sono disponibili su www.boschaftermarket.it

Il Gruppo Bosch è fornitore leader e globale di tecnologie e servizi. Grazie ai circa 400.000 collaboratori (al 31 dicembre 2019) nel mondo, impiegati nei quattro settori di business Mobility Solutions, Industrial Technology, Consumer Goods e Energy and Building Technology, il Gruppo Bosch ha registrato un fatturato di 77,7 miliardi di euro nel 2019. In qualità di azienda leader nel settore IoT Bosch offre soluzioni innovative per smart home, smart city, Industry 4.0 e mobilità connessa. Inoltre, utilizza la propria competenza nella tecnologia dei sensori, dei software e dei servizi, oltre che nel proprio cloud IoT per offrire ai clienti soluzioni connesse, cross-domain da un'unica fonte. L'obiettivo strategico del Gruppo è quello di fornire soluzioni innovative per una vita connessa che contengano intelligenza artificiale (IA) o che siano state sviluppate o prodotte grazie ad essa. Seguendo lo slogan "Tecnologia per la vita" Bosch, grazie ai suoi prodotti e servizi, migliora la qualità della vita offrendo soluzioni innovative in tutto il mondo. Il Gruppo è costituto dall'azienda Robert Bosch GmbH e da circa 440 tra consociate e filiali in oltre 60 Paesi. Se si includono i partner commerciali e di servizi, la rete Pagina 3 di 3 ingegneristica, di produzione e vendita di Bosch copre quasi tutti i Paesi nel mondo. La base per la crescita futura della società è la forza innovativa, 72.600 sono i collaboratori Bosch impegnati nella ricerca e sviluppo in circa 126 sedi in tutto il mondo, nonché circa 30.000 ingegneri software.

Ulteriori informazioni sul sito www.bosch.com e http://www.bosch-press.it

Stai ancora cercando qualcosa?