Suche

Come le auto e le infrastrutture lavorano insieme nella guida autonoma urbana

Gabriele Aimone Cat

Gabriele Aimone Cat >

X

Il progetto di ricerca MEC-View presenta i risultati

  • Bosch è a capo del consorzio del progetto MEC-View, in collaborazione con i partner Mercedes-Benz, Nokia, Osram, TomTom, IT Designers, Università di Duisburg-Essen e Università di Ulm
  • I sensori dell’infrastruttura connessa renderanno la guida autonoma più sicura ed efficiente
  • I sensori nei lampioni consentono il rilevamento tempestivo di oggetti anche in condizioni di scarsa visibilità
  • Sicurezza stradale e flusso del traffico migliorati
  • Nuova tecnologia testata in condizioni di guida reali a Ulm

Stoccarda, Germania – Pedoni nascosti alla visuale, ciclisti che attraversano davanti ai veicoli, autobus che arrivano all'improvviso, per chi è in auto il traffico cittadino può diventare stressante e pericoloso. Si potrebbe rendere più sicuro il traffico urbano fornenedo ai veicoli autonomi una visione d’insieme della viabilità utilizzando i lampioni posizionati lungo le strade: tutto ciò è alla base del progetto di ricerca MEC-View. Durante lo studio i lampioni sono stati dotati di sensori video e lidar. Utilizzando la tecnologia mobile avanzata sono stati in grado di fornire ai veicoli informazioni critiche, in tempo reale, consentendo di rilevare gli ostacoli, siano essi auto, biciclette o pedoni, in modo rapido e affidabile. Dopo oltre tre anni di sviluppo, il progetto è pronto per presentare i risultati. I partner del progetto, con Bosch a capo del consorzio, Mercedes-Benz, Nokia, Osram, TomTom, IT Designers e le Università di Duisburg-Essen e Ulm hanno ricevuto finanziamenti per 5,5 milioni di euro dal Ministero federale tedesco per gli affari economici e l'energia (BMWi). La città di Ulm, partner associato del progetto, negli ultimi tre anni è stata il banco di prova per lo studio. Le conoscenze acquisite verranno ora utilizzate per sviluppare ulteriormente la tecnologia dei veicoli, della guida autonoma e della tecnologia mobile. Inoltre, l'infrastruttura realizzata sarà a disposizione per ulteriori progetti di ricerca.

Panoramica dall'alto per una migliore visione d'insieme

Dai lampioni, con un'altezza massima di sei metri, si ha una chiara panoramica di ciò che accade negli incroci trafficati, proprio ciò di cui i veicoli autonomi avranno bisogno in futuro. I sistemi installati nel veicolo con telecamere, radar e sensori lidar consentono una visione a 360 gradi precisa. Tuttavia, la visuale da terra - dal solo veicolo - non è sempre sufficiente per vedere, per esempio, un pedone coperto temporaneamente da un camion, un veicolo che proviene da una entrata nascosta o un ciclista che si avvicina all’auto e cambia corsia rapidamente. "Poiché il veicolo stesso non può vedere dietro gli angoli o attraverso i muri, utilizziamo i sensori del lampione per estendere il campo visivo dei sensori del veicolo" ha dichiarato Rüdiger Walter Henn, capo progetto MEC-View presso il leader del consorzio Bosch. I partner hanno sviluppato l'hardware e il software corrispondenti a tale scopo: il sistema elabora le immagini e i segnali dai sensori dell'infrastruttura, li combina con mappe digitali ad alta risoluzione (mappe HD) e le trasmette al veicolo via etere. I dati si uniscono con le informazioni del sensore del veicolo per creare un quadro accurato della situazione.

Trasmissione dati wireless

La tecnologia mobile avanzata rende possibile la trasmissione a bassissima latenza delle informazioni del sensore. Mentre per il progetto MEC-View si è utilizzata la tecnologia di comunicazione mobile LTE con una configurazione ottimizzata per questo scopo, nel nuovo standard di comunicazione 5G, la trasmissione dei dati in tempo reale è una funzione di base. Il compito principale delle comunicazioni mobili ottimizzate per la latenza non è solo la trasmissione wireless dei dati praticamente istantanea, ma anche l'elaborazione di tali dati il più vicino possibile alla fonte. Questa attività viene eseguita da computer speciali, noti come server mobili edge computing (o MEC in breve), che sono integrati direttamente nella rete moblie e combinano i dati del sensore del lampione con i dati dei sensori surround di un veicolo e mappe digitali altamente accurate. Da ciò, generano un modello dell'ambiente circostante che include tutte le informazioni disponibili aggiornate sulla situazione del traffico. In futuro, i centri di controllo del traffico cittadino potrebbero essere dotati di tali server in modo che possano condividere i dati con tutti i veicoli, indipendentemente dal produttore e da altri utenti presenti sulle strade.

Perfettamente integrato con il traffico

A Ulm, i partner del progetto hanno testato l'interazione di prototipi di veicoli autonomi e sensori di infrastruttura in condizioni di traffico reale dal 2018. Un incrocio nel distretto di Lehr di Ulm è noto per la mancanza di visibilità a 360 gradi. I lampioni erano dunque dotati di sensori per aiutare i veicoli autonomi a superare l'incrocio, quando da una strada laterale si immettevano su quella principale. Grazie alla nuova tecnologia sviluppata, il prototipo a guida autonoma riconosce subito gli utenti della strada e può adattare di conseguenza la strategia di guida. Un tale sviluppo renderà il traffico urbano non solo più sicuro, ma anche più fluido. L'infrastruttura ralizzata durante il progetto rimarrà a Ulm, dove sarà disponibile per i prossimi progetti di ricerca.

Informazioni aggiuntive del progetto:

www.mec-view.de

I partner del progetto:

Robert Bosch GmbH (consortium leader)

IT Designers GmbH

Mercedes-Benz AG

Nokia Solutions and Networks GmbH & Co. KG

Osram GmbH

TomTom N.V.

University of Duisburg-Essen

Ulm University

City of Ulm (associated partner)

Contatti per la Stampa:

Tel. 02 3696 2613 - 2698 - 2330

press@it.bosch.com

Il settore di business Mobility Solutions è il più importante del Gruppo Bosch. Nel 2019 ha registrato un fatturato di 46,8 miliardi di Euro, equivalenti al 60% dei ricavi totali del Gruppo. Questi risultati rendono il Gruppo Bosch uno dei fornitori leader nel campo automotive. Il settore di business Mobility Solutions persegue la visione della mobilità del futuro sicura, sostenibile ed entusiasmante e combina l’expertise del gruppo in quattro ambiti di guida: personalizzata, autonoma, connessa ed elettrificata, offrendo ai propri clienti soluzioni di mobilità integrata. Il settore di business Mobility Solutions opera a livello mondiale nelle seguenti aree di business: sistemi di iniezione per motori a combustione interna, mobilità e soluzioni alternative legate alla propulsione elettrica, sistemi di assistenza alla guida e di sicurezza, guida autonoma, tecnologie per informazione e comunicazione fra veicoli e fra veicoli e infrastrutture, concept e servizi per l'aftermarket. Bosch ha contribuito con importanti innovazioni all'evoluzione dell'auto come, per esempio, la gestione elettronica del motore, il sistema elettronico di stabilità ESP e la tecnologia common-rail per i motori diesel.

Il Gruppo Bosch è fornitore leader e globale di tecnologie e servizi. Grazie ai circa 400.000 collaboratori (al 31 dicembre 2019) nel mondo, impiegati nei quattro settori di business Mobi-lity Solutions, Industrial Technology, Consumer Goods e Energy and Building Technology, il Gruppo Bosch ha registrato un fatturato di 77,7 miliardi di euro nel 2019. In qualità di azienda leader nel settore IoT Bosch offre soluzioni innovative per smart home, smart city, Industry 4.0 e mobilità connessa. Inoltre, utilizza la propria competenza nella tecnologia dei sensori, dei software e dei servizi, oltre che nel proprio cloud IoT per offrire ai clienti soluzioni connesse, cross-domain da un'unica fonte. L'obiettivo strategico del Gruppo è quello di fornire soluzioni innovative per una vita connessa che contengano intelligenza artificiale (IA) o che siano state sviluppate o prodotte grazie ad essa. Seguendo lo slogan "Tecnologia per la vita" Bosch, grazie ai suoi prodotti e servizi, migliora la qualità della vita offrendo soluzioni innovative in tutto il mondo. Il Gruppo è costituto dall'azienda Robert Bosch GmbH e da circa 440 tra consociate e filiali in oltre 60 Paesi. Se si includono i partner commerciali e di servizi, la rete ingegneristica, di produzione e vendita di Bosch copre quasi tutti i Paesi nel mondo. La base per la crescita futura della società è la forza innovativa, 72.600 sono i collaboratori Bosch impegnati nella ricerca e sviluppo in circa 126 sedi in tutto il mondo, nonché circa 30.000 ingegneri software.

Ulteriori informazioni sul sito www.bosch.com, iot.bosch.com e www.bosch.it/stampa

Stai ancora cercando qualcosa?