Suche

Variazioni organizzative all’interno del Board of Management di Robert Bosch GmbH

Chiara M. Braccelarghe

Chiara M. Braccelarghe >

X

  • Christoph Kübel e Peter Tyroller lasceranno il Board of Management di Bosch con decorrenza 31 dicembre 2020
  • Filiz Albrecht entrerà a far parte del Board il 1° gennaio 2021 in qualità di direttore delle relazioni industriali, sarà responsabile delle risorse umane e degli affari sociali
  • Il coordinamento delle attività nella regione Asia-Pacifico sarà riorganizzato all'interno del Board
  • Il consiglio di sorveglianza e gli azionisti esprimono i loro ringraziamenti a Christoph Kübel e Peter Tyroller per i molti anni di lavoro svolti con succes-so nell'azienda

StoccardaChristoph Kübel (60) lascerà il Board of Management di Bosch il prossimo 31 dicembre 2020 e andrà in pensione. Si dedicherà ad altre attività legate all'azienda che saranno comunicate successivamente. Kübel ha iniziato la sua carriera trentennale in Bosch nel 1986 come tirocinante commerciale. Dal 2012 è membro del Board di Bosch e, in qualità di direttore delle relazioni industriali, responsabile delle risorse umane e degli affari sociali.

A Christoph Kübel succederà Filiz Albrecht (48) che entrerà a far parte del Board di Bosch come nuovo membro il 1° gennaio 2021 in qualità di direttore delle relazioni industriali. Albrecht è attualmente a capo del dipartimento centra-le risorse umane di Bosch ed è responsabile della gestione dei talenti e dello sviluppo organizzativo. Ha una laurea in diritto commerciale e un MBA. Ha ini-ziato la sua carriera nel settore delle forniture automobilistiche e, prima di en-trare a far parte del Gruppo Bosch nell'ottobre 2017, Albrecht ha lavorato per Mann + Hummel dove ha ricoperto il ruolo di AD e direttore delle relazioni indu-striali.

Peter Tyroller (62), membro del Board di Bosch dal 2006, andrà in pensione alla fine dell'anno. Fino al 31 dicembre 2020, continuerà a essere responsabile del coordinamento delle operazioni in Asia-Pacifico. Tyroller ha lavorato per Bosch dal 1992 al 1994. Nel 2000 è tornato nel Gruppo all’interno della divisio-ne Gasoline Systems, inizialmente come vice presidente esecutivo per le vendi-te e successivamente come presidente.

Dal 2013, Tyroller ha coordinato le operazioni in Asia-Pacifico, tra cui Australia, Cina, India, Giappone, ASEAN e Corea del Sud. A partire dal 1° gennaio 2021, il coordinamento delle operazioni verrà riassegnato ai membri dell’attuale Board come segue: Volkmar Denner assumerà la responsabilità delle opera-zioni in Cina, Stefan Hartung avrà responsabilità per l’India. Markus Heyn sarà in futuro responsabile degli affari in Giappone e Corea del Sud, mentre Uwe Raschke sarà responsabile del Sud-est asiatico (ASEAN) e dell'Australia.

Il consiglio di sorveglianza e gli azionisti esprimono i loro ringraziamenti a Chri-stoph Kübel e Peter Tyroller per i molti anni di lavoro svolti con suc-cessnell’aziend“Come direttore delle relazioni industriali nell'era della digitaliz-zazione, Christoph Kübel ha promosso una cultura moderna del lavoro e della gestione aziendale. Ha favorito con successo i temi delle pari opportunità e di-versità, nonché della formazione e dello sviluppo professionale", ha dichiarato Volkmar Denner, CEO di Bosch. "Con investimenti mirati nella produzione e creazione di centri locali di sviluppo, Peter Tyroller ha colto l’opportunità del mercato e il potenziale di innovazione nelle regioni che sono fondamentali per la crescita dell'azienda e ha ampliato con successo le attività in Asia-Pacifico. In questo modo, ha contribuito in modo decisivo allo sviluppo positivo del Gruppo Bosch in tale area", ha affermato Denner.

Franz Fehrenbach, amministratore delegato di Robert Bosch Industrietreuhand KG e presidente del consiglio di sorveglianza di Bosch, ha aggiunto: “Christoph Kübel e Peter Tyroller hanno preso importanti decisioni strategiche nelle rispet-tive aree di responsabilità. Con un grande impegno personale hanno contribui-to in modo significativo al successo del Gruppo Bosch e hanno guadagnato una grande stima sia all'interno sia all'esterno dell'azienda. Un sentito grazie da parte del consiglio di sorveglianza e degli azionisti."

Contatti per la Stampa:

Tel. 02 3696 2613 - 2698 - 2330

press@it.bosch.com

Il Gruppo Bosch è fornitore leader e globale di tecnologie e servizi. Grazie ai circa 400.000 collaboratori (al 31 dicembre 2019) nel mondo, impiegati nei quattro settori di business Mobi-lity Solutions, Industrial Technology, Consumer Goods e Energy and Building Technology, il Gruppo Bosch ha registrato un fatturato di 77,7 miliardi di euro nel 2019. In qualità di azienda leader nel settore IoT Bosch offre soluzioni innovative per smart home, smart city, Industry 4.0 e mobilità connessa. Inoltre, utilizza la propria competenza nella tecnologia dei sensori, dei software e dei servizi, oltre che nel proprio cloud IoT per offrire ai clienti soluzioni connesse, cross-domain da un'unica fonte. L'obiettivo strategico del Gruppo è quello di fornire soluzioni innovative per una vita connessa che contengano intelligenza artificiale (IA) o che siano sta-te sviluppate o prodotte grazie ad essa. Seguendo lo slogan "Tecnologia per la vita" Bosch, grazie ai suoi prodotti e servizi, migliora la qualità della vita offrendo soluzioni innovative in tutto il mondo. Il Gruppo è costituto dall'azienda Robert Bosch GmbH e da circa 440 tra con-sociate e filiali in oltre 60 Paesi. Se si includono i partner commerciali e di servizi, la rete in-gegneristica, di produzione e vendita di Bosch copre quasi tutti i Paesi nel mondo. La base per la crescita futura della società è la forza innovativa, 72.600 sono i collaboratori Bosch impegnati nella ricerca e sviluppo in circa 126 sedi in tutto il mondo, nonché circa 30.000 in-gegneri software.

L'azienda è stata fondata a Stoccarda nel 1886 da Robert Bosch (1861-1942) come "Officina di meccanica di precisione ed elettrotecnica". La struttura societaria della Robert Bosch GmbH assicura l'indipendenza imprenditoriale del Gruppo Bosch, permettendo all'azienda di perseguire strategie a lungo termine e di far fronte a nuovi investimenti che possano garanti-re il suo futuro. La Fondazione di pubblica utilità Robert Bosch Stiftung GmbH detiene il 92% delle partecipazioni della Robert Bosch GmbH. La maggioranza dei diritti di voto appartiene alla società fiduciaria Robert Bosch Industrietreuhand KG che gestisce le funzioni imprendi-toriali dell'azienda. I diritti di voto e le partecipazioni restanti spettano alla famiglia Bosch e alla Robert Bosch GmbH.

Ulteriori informazioni su www.bosch.com, www.iot.bosch.com, www.bosch.it/stampa

Stai ancora cercando qualcosa?