Suche

IAA 2019: Bosch si aggiudica 13 miliardi di euro di ordini nell’elettromobilità

Gabriele Aimone Cat

Gabriele Aimone Cat >

X

Ancora una volta Bosch cresce più rapidamente del mercato

  • Il CEO di Bosch Volkmar Denner: "Bosch sta rendendo la mobilità accessibile e attenta al clima"
  • Risultati aziendali: il settore Mobility Solutions mantiene la propria posizione in un difficile scenario
  • La chiave della mobilità del futuro: Bosch investe circa 3 miliardi di euro all’anno in competenze software
  • Dai motori a combustione alle celle a combustibile: Bosch perfeziona tutti i tipi di sistemi di propulsione
  • Guida autonoma: ottenuta l’approvazione per l’Automated valet parking (sistema di parcheggio autonomo)

Stoccarda e Francoforte, Germania – Parlando di elettromobilità, Bosch è in prima linea: nessun'altra azienda ha altrettanta esperienza in questo settore. Dall'inizio del 2018, Bosch si è aggiudicata ordini nel settore dell’elettromobilità per un valore di circa 13 miliardi di euro, compresi i progetti di produzione di sistemi di propulsione elettrici a batteria per auto e veicoli commerciali leggeri. Grazie a questi risultati e alle sue innovazioni, Bosch mantiene la propria posizione in uno scenario complesso. Anche nel 2019, il settore di business Mobility Solutions sta crescendo meglio rispetto al business automotive globale. Nonostante l'attuale significativa tendenza negativa del mercato, il fatturato della gestione operativa si attesterà a un livello appena inferiore rispetto a quello dell'anno precedente. "La trasformazione della mobilità comporta delle sfide, ma anche delle opportunità, che noi vogliamo cogliere" ha dichiarato Volkmar Denner, presidente del Board of Management di Bosch. Dal punto di vista tecnologico, Bosch pensa alla mobilità del futuro con una apertura mentale, perfezionando i sistemi di propulsione tradizionali e l’elettrificazione in rapida evoluzione. Inoltre, sta lavorando per rendere la mobilità autonoma, connessa e personalizzata. L’elettronica e i software sono due fattori importanti per il raggiungimento di questi obiettivi. In Bosch sono impegnati circa 14.000 ingegneri software nelle attività legate alla mobilità e gli investimenti annuali raggiungono i 3 miliardi di euro. L’obiettivo è quello di consentire alle persone di muoversi in maniera ecocompatibile e garantire che la mobilità sia accessibile a tutti. "Bosch sta rendendo la mobilità accessibile e attenta al clima" ha dichiarato Denner.

Sistemi di propulsione efficienti: dai motori a combustione alle celle a combustibile

Bosch è in prima linea nelle azioni a tutela del clima, e non solo perché si è impegnata per rendere le sue sedi nel mondo a zero emissioni a partire dal prossimo anno. "Ci stiamo dedicando anche allo sviluppo di soluzioni di mobilità che non abbiano un grosso impatto sul riscaldamento globale e la qualità dell'aria" ha spiegato Denner. Ogni anno, l’azienda investe circa 400 milioni di euro nella mobilità a emissioni zero. Considerando l’elettromobilità, Bosch ha un portfolio più ampio rispetto ad altre aziende: dalle biciclette ai veicoli commerciali e dalla ibridizzazione a 48 volt al sistema di propulsione completamente elettrico. Bosch punta a raggiungere la leadership di mercato con la sua batteria da 48 volt e ha appena annunciato un accordo di collaborazione a lungo termine con l’azienda cinese Contemporary Amperex Technology Co. Limited (CATL). All’inizio dell’anno, Bosch ha previsto vendite di componenti e sistemi di elettromobilità per autovetture e autocarri leggeri per 5 miliardi di euro entro il 2025. Ora prevede di superare questa cifra. "Qualsiasi sia la tecnologia che ci consente di avere una mobilità a emissioni zero, dobbiamo impegnarci perché il mercato la utilizzi. Lo faremo solo con soluzioni accessibili, perché solo in questo modo potremo contribuire a fermare il riscaldamento globale" ha affermato Denner. Nel suo percorso per diventare leader di mercato nell'elettromobilità, Bosch vuole anche creare un mercato di massa per le celle a combustibile, avviandone la produzione. Le economie di scala contribuiranno a rendere più conveniente la produzione di questa tecnologia ancora costosa. "Bosch sta rendendo accessibili i sistemi di propulsione alternativi" ha dichiarato Denner.

Nuova tecnologia: meno particolati, meno polvere dei freni

Tuttavia, nel 2030 tre quarti dei nuovi veicoli saranno ancora dotati di motore tradizionale, alcuni supportati dal sistema a 48 volt o un ibrido plug-in. Per questo motivo, Bosch sta rendendo più efficiente non solo il motore diesel, ma anche il motore a benzina. Gli ultimi sviluppi prevedono modifiche al motore e un moderno trattamento dei gas di scarico per ridurre le emissioni di particolati dei motori a benzina fino a un livello del 70% inferiore rispetto allo standard Euro 6d, anche in condizioni di guida reali. Bosch vuole anche ridurre al minimo le emissioni delle polveri derivanti dalle frenate. In quest’ottica, sono stati sviluppati gli iDisc, che generano solo il 10% di polvere dei freni rispetto alle quantità prodotte da un normale freno a disco, e il sistema a frenata rigenerativa, che può ridurre la polvere dei freni di oltre il 95% nei veicoli elettrici.

Pietra miliare: primo sistema di livello 4 approvato

Bosch sta ottenendo risultati positivi nella guida autonoma. I sistemi di assistenza alla guida sono alla base di tutto questo. La multinazionale tedesca prevede di chiudere l’anno con il 12% di crescita nell’automazione e vendite per 2 miliardi di euro. Per i livelli successivi di guida autonoma investirà 4 miliardi di euro entro il 2022. Per i mercati di Stati Uniti e Asia, attualmente Bosch sta sviluppando sistemi di livello SAE 2 che consentono ai guidatori di togliere le mani dal volante in autostrada. In Germania, Bosch e Daimler hanno recentemente ottenuto la prima approvazione al mondo per un sistema di livello 4: l’Automated valet parking nel parcheggio del Museo Mercedes-Benz di Stoccarda. Il sistema di parcheggio autonomo si è quindi evoluto oltre la fase di prototipo. Si prevede che entro la fine del 2021 una dozzina di parcheggi saranno dotati di Automated valet parking.

Mobilità personalizzata: servizi navetta e rolling chassis

La trasformazione della mobilità sta mettendo in luce nuovi operatori del mercato. Anche Bosch sta collaborando con questi protagonisti. Per esempio, sta lavorando con DiDi, Lyft e Uber, i tre più grandi fornitori di servizi di ride-hailing, con oltre 50 milioni di corse al giorno in tutto il mondo. DiDi, il principale fornitore cinese di servizi di mobilità, utilizza i servizi di Bosch per le batterie basati su cloud per contribuire ad aumentare la durata delle batterie dei veicoli.

In futuro, i fornitori di servizi di mobilità come questi utilizzeranno sempre più le navette per offrire una mobilità personalizzata. Entro il 2025, sulle strade di tutto il mondo circoleranno oltre 2,5 milioni di navette. Con le soluzioni per l’elettrificazione, l’automazione, la connettività e la personalizzazione, Bosch vuole aiutare questi fornitori a offrire servizi di ride-hailing caratterizzati dal massimo comfort e dalla massima sicurezza. La struttura di queste navette potrebbe essere un rolling chassis: una piattaforma modulare pronta all'uso che funge da base flessibile per vari progetti di carrozzeria. In questo settore, all’inizio dell’anno Bosch ha avviato una collaborazione con Benteler, specialista automotive e di telai. Automobil Pininfarina sarà il primo cliente che utilizzerà il rolling chassis per i propri veicoli e sarà anche rivenditore dei telai.

Contatti per la Stampa:

Tel. 02 3696 2613 - 2014 - 2698

press@it.bosch.com

Il settore di business Mobility Solutions è il più importante del Gruppo Bosch. Nel 2018 ha registrato un fatturato di 47,6 miliardi di Euro, equivalenti al 61 percento dei ricavi totali del Gruppo. Questi risultati rendono il Gruppo Bosch uno dei fornitori leader nel campo automotive. Il settore di business Mobility Solutions persegue la visione della mobilità del futuro senza incidenti, senza emissioni e senza stress e combina l’expertise del gruppo in tre ambiti: automazione, elettrificazione e connettività. Il settore di business Mobility Solutions opera a livello mondiale nelle seguenti aree di business: sistemi di iniezione per motori a combustione interna, mobilità e soluzioni alternative legate alla propulsione elettrica, sistemi di assistenza alla guida e di sicurezza, guida autonoma, tecnologie per informazione e comunicazione fra veicoli e fra veicoli e infrastrutture, concept e servizi per l'aftermarket. Bosch ha contribuito con importanti innovazioni all'evoluzione dell'auto come, per esempio, la gestione elettronica del motore, il sistema elettronico di stabilità ESP e la tecnologia common-rail per i motori diesel.

Il Gruppo Bosch è fornitore leader e globale di tecnologie e servizi. Grazie ai circa 410.000 collaboratori (al 31 dicembre 2018) impiegati nei quattro settori di business Mobility Solutions, Industrial Technology, Consumer Goods e Energy and Building Technology, il Gruppo Bosch ha registrato un fatturato di 78,5 miliardi di euro nel 2018. In qualità di azienda leader nel settore IoT Bosch offre soluzioni innovative per smart home, smart city, industria e mobilità connessa. Inoltre, utilizza la propria competenza nella tecnologia dei sensori, dei software e dei servizi, oltre che nel proprio cloud IoT per offrire ai clienti soluzioni connesse, cross-domain da un'unica fonte. L'obiettivo strategico del Gruppo è quello di fornire soluzioni innovative per una vita connessa. Seguendo lo slogan "Tecnologia per la vita" Bosch, grazie ai suoi prodotti e servizi, migliora la qualità della vita offrendo soluzioni innovative in tutto il mondo. Il Gruppo è costituto dall'azienda Robert Bosch GmbH e da circa 460 tra consociate e filiali in oltre 60 Paesi. Se si includono i partner commerciali e di servizi, la rete di produzione e vendita di Bosch copre quasi tutti i Paesi nel mondo. La base per la crescita futura della società è la forza innovativa, 68.700 sono i collaboratori Bosch impegnati nella ricerca e sviluppo in circa 130 sedi in tutto il mondo.

Ulteriori informazioni sul sito www.bosch.com e www.bosch.it/stampa

Stai ancora cercando qualcosa?